Omicidi in FM

0

Bruno Amatucci che annovera numerosi libri a fumetti – l’ultimo “60 anni di libertà” dedicato alla Costituzione Italiana gli è valso l’invito al Quirinale da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano – ha partecipato come finalista del Premio Viareggio con il titolo “L’Italia nello spazio prima e dopo Sirio” e insignito del premio 'Mercurio d’Oro’ con “Pronto, pronto che ha fatto l’Italia?”.

Come è nata l’idea di un romanzo dedicato alla tutela della lingua italiana?
L’idea è nata proprio in occasione dell’incontro avuto con il Presidente Napolitano, durante la presentazione della costituzione italiana a fumetti da me curata insieme al disegnatore Moreno Chiacchera. Mi sono sempre considerato fiero di essere italiano e provo quasi una sorta di dolore fisico quando sento un errato utilizzo della nostra lingua. Anche in qualità di Presidente Onorario dell’Accademia per la difesa del congiuntivo (fondata a Pistoia nel 2007) ho pensato che si potesse realizzare un libro per ricordare l’importanza del nostro splendido idioma.

Il libro ‘Omicidi in FM’ è la sua prima opera nel genere del romanzo giallo e rappresenta una vera e propria chicca, proponendo diverse novità nel filone, finalizzate a rovesciare il rapporto tra autore e lettori. In che modo?
Seguendo le tracce lasciate dal killer, vale a dire delle pagine di un vocabolario (iniziativa realizzata con il beneplacito della Zanichelli) accanto alle vittime e le considerazioni basate sulla logica laterale i lettori potranno contribuire a salvaguardare la lingua italiana segnalando gli errori, anche quelli di stampa – (alcuni, sono stati inseriti di proposito proprio dall’autore) – che riusciranno a scovare nel testo. Nella seconda edizione i più attenti verranno nominati e ringraziati per il loro apporto a tutela del corretto uso della lingua nazionale.

“Omicidi in FM” è dedicato alla difesa della lingua italiana dall’imbarbarimento e dall’uso distorto cui abitualmente e quotidianamente viene sottoposta e permette al lettore di avvicinarsi alla risoluzione del caso cercando le soluzioni ai quesiti di logica laterale e gli indizi per capire chi si nasconde dietro il serial killer ‘il postino’. Ma cos’è la logica laterale?
Il libro è caratterizzato da divertenti (e, soprattutto, intelligenti) indovinelli ed enigmi di logica laterale. Si tratta di quesiti che possono essere risolti solo utilizzando tutto ciò che esula dalla logica deduttiva tradizionale: infatti, il lettore è chiamato a mettere da parte le sue esperienze, il suo modo di pensare quotidiano, per porsi domande alternative, fino ad arrivare alla soluzione.

“Stanno uccidendo la lingua italiana” è la frase ricorrente del romanzo, in cui l’autore lancia un grido di allarme che non deve restare inascoltato, tanto che – con il beneplacito della Zanichelli – sono presenti alcune pagine del vocabolario della lingua italiana, da leggere per comprendere la soluzione finale. Cosa intende con stanno uccidendo la lingua italiana?
Come detto, il sogno è quello di preservare la lingua italiana, che ogni giorno viene imbarbarita dall’errato uso: non a caso, il romanzo parla del mondo della comunicazione che, complice una sempre più cattiva trasmissione delle informazioni radiotelevisive e attraverso messaggi pubblicitari insulsi, che abusano di forme anglosassoni o inquietanti neologismi, sta “abilmente” operando all’imbarbarimento del nostro magnifico idioma, proprio con il rischio di perpetuarne la fine.

Ci racconta la trama di questo giallo?
Il romanzo si svolge in una Firenze prenatalizia, con le strade, i monumenti e le vetrine illuminati a festa, dove un risoluto serial killer uccide lasciando, accanto al corpo di ogni vittima, un foglio del vocabolario italiano. Ad investigare sono chiamati un giornalista e un ispettore di polizia, proprio come recentemente ho visto fare nella serie “Castle” – non a caso una delle mie preferite (che però è stata trasmessa solo dopo la pubblicazione del libro ndr).

Per concludere, quali vantaggi si possono ottenere con la lettura di “Omicidi in FM”?
Visto che siamo in estate, quale miglior modo di rilassarsi se non quello di gustare, magari sotto l’ombrellone, il piacere della lettura di un libro giallo? Inoltre, ci si può divertire con l’enigmistica e provare ad indovinare i quesiti di logica laterale, oltre ad imparare qualche nozione di grammatica e magari apprendere che la “consecutio temporum” non è una malattia esantematica…

L’AUTORE
Bruno Amatucci nasce e vive da sempre a Roma. Ha quattro figli e arriva al giornalismo dopo disparate esperienze in vari settori: marketing, sistemi informativi, psicologia e altri. Il suo primo libro “L’Italia nello spazio prima e dopo Sirio” è stata finalista al Premio Viareggio, mentre il secondo “Pronto, pronto che ha fatto l’Italia?” vince il Mercurio d’Oro a Città del Messico.
Successivamente si dedica ai libri a fumetti su argomenti sociali, coadiuvato dalle matite di Moreno Chiacchera. Scrive di codice della strada, giubileo, pensioni, cinema, storia del volo, calcio, basket e del trapianto di midollo osseo e le sue opere vengono allegate a numerosi giornali e periodici, quali Il Corriere della Sera, Il Tempo, Il Messaggero, La Gazzetta dello Sport, Il Corriere dello Sport, Tuttosport, Oggi, Il Mondo, L’Espresso.
Realizza, per il 75 anni delle Società per le Autostrade Meridionali, il volume da titolo “Buon compleanno SAM” e, recentemente, “Lavorare Sicuri” e “La Costituzione: 60 Anni di Libertà”, che è stato presentato al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Recentemente è stato nominato Presidente Onorario dell’Accademia per la difesa del congiuntivo (fondata a Pistoia nel 2007).
Il libro ‘Omicidi in FM’ è dedicato alla difesa della lingua italiana e permette al lettore di avvicinarsi alla risoluzione del caso cercando le soluzioni ai quesiti di logica laterale e gli indizi per capire chi si nasconde dietro il serial killer ‘il postino’.

Condividi

Leave A Reply

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie