La luce creativa di Lalla Romano

0

“Le mie letture fanno parte della mia vita, come una gita in montagna”.
Per Lalla Romano infatti i libri non sono stati solo alla base della sua professione, bensì un amore viscerale, quasi un’entità con la quale creare uno scambio. I libri hanno contraddistinto il suo percorso e questo vissuto, a sua volta, è poi diventato parte integrante delle sue opere. Cresciuta in un clima ricco di stimoli, Lalla Romano – classe 1906 – spronata da Eugenio Montale, nel 1941 pubblica “Fiore”, la prima raccolta di poesie. L’esordio nella narrativa arriva grazie a “Le metamorfosi” e il primo vero successo lo ottiene con “Maria”, romanzo che le fa vincere il premio Veillon. Ci sono poi altri romanzi, altre pubblicazioni e parallelamente diverse mostre in cui espone le opere della sua seconda grande passione: la pittura. Nel 1969 con “Le parole tra noi leggere” -diventato best-seller- si aggiudica il prestigioso Premio Strega, solo il primo di diversi altri riconoscimenti.

A 12 anni dalla sua scomparsa (avvenuta il 26 giugno 2001), Sinceramente d’archivio vuole omaggiare Lalla Romano proponendo la rielaborazione di un’intervista curata da Antonio Ria e datata 1989. Un sodalizio che in realtà li ha visti uniti anche nella pubblicazione di due volumi, costituiti da parole e da fotografie.

Ascolta l'intervista

Condividi

Leave A Reply

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie