Gli italiani d'Egitto

0

Un racconto sul filo dei ricordi di italiani per i quali l'Egitto è il luogo di nascita e di appartenenza, che si intreccia con la storia del paese, dalla metà dell'Ottocento ad oggi. Questa la trama de ''Gli italiani d'Egitto', documentario di Sherif Fathy Salem e di Ramona di Marco, presentato all'Istituto italiano di cultura nell'ambito della settimana della lingua italiana.

Quella italiana è la più antica comunità europea in questo paese e si sviluppò al massimo prima della seconda guerra mondiale, quando sfiorò le 80.000 persone fra Alessandria e il Cairo. E' soprattutto ad Alessandria che si snoda il filo dei ricordi sulle tracce di una città che già dalla fine del secolo scorso era stata resa cosmopolita e tollerante dalla presenza di molte comunità diverse, soprattutto italiani e greci, e di religioni, che convivevano pacificamente e con rispetto. Nella città affacciata sul Mediterraneo all'inizio del secolo scorso le comunità straniere rappresentavano il 40% degli oltre 300.000 abitanti. Il ruolo degli italiani in Egitto, che si espande a partire dalla costruzione del canale di Suez, è economico e imprenditoriale, ma lascia impronte importanti nell'ambito artistico e culturale. Mario Rossi progettò e realizzò alcune delle più importanti moschee di Alessandria e del Cairo, mentre Alvise Orfanelli contribuì al lancio dell'industria cinematografica egiziana, lavorando come direttore della fotografia con i principali registi egiziani.

Il documentario si snoda lungo le testimonianze di sette protagonisti: due vivono a Roma , altri quattro sono rimasti ad Alessandria e al Cairo e uno ha deciso di rientrare in Egitto dopo avere vissuto e lavorato per molti anni in Italia. Tutti testimoniano il loro senso di appartenenza e di attaccamento all'Egitto, se non addirittura alla città dove sono nati e cresciuti. Come dice una delle protagoniste del film: ''Io sono italiana e alessandrina''.

(ANSAmed)  IL CAIRO, 23 Ottobre

Condividi

Leave A Reply

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più