Lingua italiana: Australia primo paese al mondo per numero di studenti, Germania seconda. Crescono Messico e Argentina

0

L’Australia si conferma il primo Paese al mondo per numero di studenti di italiano. È uno dei dati forniti dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale relativi alla diffusione dell’italiano nel mondo, illustrati a Roma in occasione della presentazione, presso la sede della Società Dante Alighieri, della XIX edizione della Settimana della Lingua italiana nel mondo (21-27 ottobre).

A fronte dei quasi 315mila studenti registrati lo scorso anno, nel 2017/2017 il censimento degli studenti australiani ha registrato un aumento di circa l’8%, pari a oltre 25mila studenti. Un aumento che balza agli occhi è, inoltre, quello registrato in Germania, dove le autorità federali hanno fornito i dati a loro disposizione sull’insegnamento dell’italiano nelle scuole locali. Grazie a questo aggiornamento, a fronte dei 257.469 studenti rilevati lo scorso anno, il censimento del 2017/2018 registra un incremento di circa il 22% (+57.314 studenti), collocando la Germania al secondo posto tra i Paesi con il maggior numero di studenti di italiano nel mondo.
Messico, Argentina, Giappone e Spagna sono i Paesi in cui si registra un aumento significativo del numero di studenti di lingua italiana. Nello specifico: Messico (+118,2% pari a 11.236 studenti), Argentina (+14,57%, pari a 10.426 studenti), Giappone (+29,2% pari a 5.920 studenti), infine Spagna, che ha registrato un aumento degli studenti rilevati di circa il 22% (pari a 5.741 studenti). Al contrario, in Venezuela il perdurare dell’instabilità ha reso difficile reperire i dati richiesti: di qui il calo per il terzo anno consecutivo (-9,9% pari a 833 studenti). Il dato complessivo dell’Austria ha registrato una diminuizione di circa il 4,7% degli studenti (-3.853). Un altro lieve calo fisiologico si è registrato in Egitto, con una contrazione di 1.545 studenti (-1,27%) e in Turchia (-8,61%, pari a circa 1.300 studenti).

(© 9Colonne)

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie