La Il Canton Berna ha ospitato la sesta edizione della “Settimana della Svizzera italiana” dell’USI

0

logo_ticino_newsDal sito ticinonews.ch

La sesta edizione dell’iniziativa dell’USI “+ identità: Settimana della Svizzera italiana” – sostenuta dall’Ufficio federale della cultura, dai Cantoni Berna, Ticino e Grigioni e dalla Fondazione Oertli – si terrà dal 3 al 7 aprile 2017 in dieci licei del Canton Berna. Per la prima volta la “Settimana”, iniziativa che ha l’obiettivo di far conoscere meglio la Svizzera italiana Oltralpe, potrà contare sul coinvolgimento anche di altre 44 scuole secondarie. La cerimonia ufficiale di inaugurazione si terrà lunedì 3 aprile, mentre giovedì 6 aprile è prevista una tavola rotonda aperta a tutti su giovani e plurilinguismo.

Il programma è molto variegato (per tutti i dettagli www.piuidentita.usi.ch): prevede uno scambio tra classi, visite in Parlamento, esibizioni di gruppi musicali, artisti, attori e scrittori, presentazioni e dibattiti, una tavola rotonda e una serie di reportage sui social media alla scoperta della Svizzera italiana. Con tutti i licei è stato definito un programma ad hoc: mentre al Gymnasium Kirchenfeld, sede principale dell’iniziativa, si terrà ogni giorno un’attività, le altre sedi hanno dedicato ciascuna una giornata alla Svizzera italiana. Al progetto partecipano anche le biblioteche con proposte di lettura specifiche e le mense delle sedi coinvolte con menù tipici.

La “Settimana” di aprile rappresenta il culmine di un’attività che ha preso il via ad agosto 2016 con il coinvolgimento degli allievi di italiano delle dieci sedi e questa presenza – che non vuole essere solo puntuale – è proseguita con la distribuzione, a dicembre, del calendario 365 giorni con la Svizzera italiana che sta accompagnando gli allievi nel corso di tutto l’anno. Gli allievi, che insieme ai loro docenti sono veri e propri ambasciatori della lingua italiana Oltralpe, si sono occupati anche di creare contenuti per una app che metterà alla prova gli utenti con oltre 300 interrogativi sulla Svizzera italiana (disponibile gratuitamente in tedesco, francese e italiano su Apple Store e Google Play a partire dal 3.4.2017, digitando le parole chiave “quiz svizzera italiana”). In parallelo si lavora, anche in collaborazione con le classi di arti visive, alla creazione di contenuti legati alla lingua, alla cultura e alla storia della Svizzera italiana. Questi contenuti fanno parte del percorso interattivo che sarà esposto nei dieci licei dal 3 al 7 aprile.

Agli allievi è affidato l’importante compito di creare un ponte tra le due regioni linguistiche. Per farlo, un gruppo di 25 studenti del Gymnasium Kirchenfeld è stato coinvolto in uno scambio con una classe del Liceo cantonale di Lugano 2. Parallelamente due classi del Gymnaium Biel fungeranno da “reporter della Svizzera italiana”, pubblicando ogni giorno della “Settimana” dei post con gli hashtag #VisitTicino, #Graubuenden, #SettimanaBerna in diretta dal Ticino e dal Grigioni italiano, per tenere aggiornati i loro compagni degli altri licei rimasti nella Svizzera tedesca.
Il via alla “Settimana” viene sancito da una cerimonia ufficiale che si terrà lunedì 3 aprile 2017 dalle ore 10.30 alle ore 12.00 presso l’Aula del Gymnasium Kirchenfeld alla presenza della vicedirettrice della Biblioteca nazionale svizzera Elena Balzardi, della Delegata federale al plurilinguismo Nicoletta Mariolini, dei Consiglieri di Stato Manuele Bertoli (TI), Martin Jäger (GR) e Bernhard Pulver (BE), del Rettore dell’Università della Svizzera italiana Boas Erez, della presidentessa del gruppo di materia italiano (BE) Regula Mäder e della Rettrice della sezione scienze umane del Gymasnium Kirchenfeld Elisabeth Schenk. La moderazione sarà affidata a quattro allievi delle sedi liceali di Lugano 2 e Kirchenfeld.

Per aprire il discorso al pubblico è prevista una tavola rotonda giovedì 6 aprile 2017 dalle 18.30 alle 19.30 intitolata “Lingue nazionali: we love you!? Wie bringt man Jugendliche dazu, sich für die Nationalsprachen und vor allem die Minderheitssprachen der Schweiz zu interessieren?”, organizzata insieme al Forum pour le bilinguisme di Bienne. Interverranno Nicoletta Mariolini, Delegata federale al plurilinguismo, Corina Casanova, presidentessa del Forum Helveticum, Ignazio Cassis, Consigliere nazionale e co-presidente dell’Intergruppo parlamentare „Italianità“, Mario Battaglia, Direttore ufficio dell’insegnamento medio superiore del Canton Berna, Yvonne Pesenti Salazar, membro del Consiglio regionale della CORSI, Alain Schorderet, direttore della Fondazione Sophie e Karl Binding – con la moderazione di Virginie Borel, delegata del Forum du bilinguisme. La discussione si terrà in tedesco, francese e italiano.

L’iniziativa si inserisce in un contesto propizio: l’Ufficio federale della cultura tramite il suo “messaggio sulla cultura 2016-2020” vuole infatti promuovere maggiormente l’italiano Oltralpe, mentre nel Canton Berna ad agosto 2017 chi inizierà il liceo avrà la possibilità di accedere a un programma di formazione bilingue tedesco/francese-italiano, trascorrendo il terzo anno scolastico presso un liceo ticinese. Parallelamente l’inaugurazione di AlpTransit ha accorciato sensibilmente le distanze tra le regioni linguistiche. In questo contesto favorevole l’obiettivo dell’iniziativa +identità, giunta alla sua sesta edizione, resta quello di contribuire alla scoperta delle varie sfaccettature della Svizzera italiana ricordando sempre che il nostro territorio è la somma complessa di più aspetti e – appunto – più identità, che vanno oltre i consueti stereotipi.

Condividi

I commenti sono chiusi.