Italia: “Viaggio nella bellezza”

0

viaggiobellzzaLa Rai in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo presenta Viaggio nella Bellezza. Un percorso nell’incomparabile ricchezza del nostro Paese, tra storia, arte e cultura, attraverso tutte le regioni italiane.

Un’iniziativa per la promozione e valorizzazione del patrimonio culturale e artistico italiano che aiuta conoscere e capire il patrimonio storico, artistico, archeologico e bibliografico del Paese.

http://www.raistoria.rai.it/italia-viaggio-nella-bellezza/default.aspx

Sovana e Pitigliano, un viaggio nel tempo
Un viaggio lungo, complesso, che abbraccia un arco di tempo che dal terzo secolo a.C. arriva ai giorni nostri e che si svolge in una manciata di chilometri,  lo spazio che intercorre tra Sovana e Pitigliano. Si parte dalla necropoli  etrusca una vera e propria sorpresa che lascia senza fiato.

La Milano di Ambrogio
“Milano è una città utilitaria (…) demolita e rifatta secondo le necessità del momento, non riuscendo perciò mai a diventare antica”. Così scriveva Guido Piovene suo Viaggio in Italia del 1957, cogliendo un tratto essenziale della capitale ‘morale’ d’Italia. Una città che sembra quasi ‘condannata’ a essere moderna, costretta a un perenne inseguimento della modernità. 

Acerenza, città cattedrale
Collocata sul culmine di un’altura da cui domina vallate sconfinate, celebrata da Orazio nelle sue Odi, Acerenza custodisce ancora oggi la cattedrale romanica che ne ha celebrato il momento di massimo splendore. 

Spoleto, museo a cielo aperto
L’anno è il 1962, il luogo è Spoleto. Il critico d’arte Giovanni Carandente dà il via a un’iniziativa artistica senza precedenti in Italia, invitando ben cinquantatre tra i più noti scultori al mondo a esporre le loro opere tra le piazze e i vicoli della Città dei Due Mondi. 

La leggenda aurea di Galatina
Costruita in tutta la sua magnificenza tra la fine del Trecento e gli inizi del Quattrocento, la Basilica di Santa Caterina di Alessandria, a Galatina, con i suoi ricchissimi cicli di affreschi, è la forma monumentale che cristallizza e consegna alla storia l’ascesa di una delle più importanti signorie del basso Medioevo, gli Orsini del Balzo, e in particolare di Maria d’Enghien, che diventerà regina di Napoli, e di suo figlio Giovanni Antonio Orsini.

Fortuna Primigenia – Il Santuario di Palestrina
Palestrina, a 40 chilometri da Roma sorge il Santuario della Fortuna Primigenia, una splendida fusione di arte romana ed ellenistica. Il santuario dell’antica Praeneste risalta nel panorama italico dell’età repubblicana non solo per la maestosità e la bellezza, ma per la complessità architettonica che lo rende perfettamente integrato nel territorio in cui sorge.

I longobardi di Cividale
Cividale del Friuli è tra le città italiane che meglio testimonia il passato longobardo del nostro paese; quei due secoli durante i quali il Regno dei Longobardi (568 d.C. – 774 d.C.) insediò una nuova dominazione politica sulle maceria dell’Italia romana, finché non fu sconfitto e spodestato dai Franchi di Carlo Magno.

Sotterranea bellezza
Sotterranea bellezza. Le stazioni dell’arte della metro di Napoli.  Napoli possiede una ricchezza che la proietta nel futuro come nessun’altra metropoli italiana. Un complesso artistico-funzionale, composto da fermate della metropolitana che accolgono circa duecento opere d’arte realizzate da più di novanta autori di fama internazionale. La metropolitana di Napoli, realizzata a cavallo del nuovo millennio, è un trionfo dell’arte e dell’architettura internazionale e, giustamente, viene …

Le ali di Brixia
Un’Urbe in miniatura, con il tempio Capitolino più scenografico dell’Italia Cisalpina. Un tesoro di bronzo dorato nascosto a lungo, e la Vittoria alata. Gli affreschi pompeiani del Santuario Repubblicano e i pregiati mosaici delle Domus. Brixia, l’antica Brescia, lussuosa colonia romana e città pluristratificata dove è possibile ripercorrere tremila anni di storia. La città romana di Brixia, con un impianto urbanistico dominato dallo splendido Tempio consacrato all’imperatore Vespasiano, fu scoperta …

Milano e Matera
Milano e Matera. Due città dalla storia opposta. La prima è la città votata al futuro, alla modernità, destinata a divorare sé stessa per continuare a crescere e rinnovarsi. La seconda è la città millenaria, custode gelosa delle sue origini e tradizioni, riluttante a qualsiasi forma di evoluzione urbanistica. Milano e Matera. Due città che oggi condividono un’ansia analoga, per l’attesa di due grandi appuntamenti mondiali di cui saranno teatro: Milano, sede dell’Esposizione Universale del 2015, …

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie