Parole in libertà – Radio Colonia, WDR/Funkhaus Europa

0

FunkhausEuropa_Logo_RGB_pos_2Una volta al mese Radio Colonia va alla scoperta delle origini di un modo di dire della lingua italiana, con un po’ d’umorismo.
Dopo avere ascoltato le teorie degli italiani incontrati a Berlino di solito Gerardo Fragione deve invocare il soccorso di Lia Urbano, linguista all’università Humboldt della capitale, per scoprire una teoria più fondata.

“Parole in libertà” va in onda su Radio Colonia ogni terzo venerdì del mese verso le 19:40.

Si può ascoltare live in streaming sul sito di Funkhaus Europa:
http://www.funkhauseuropa.de/sendungen/radio_colonia/

Le ultime puntate si possono riascoltare qui:
http://www.funkhauseuropa.de/sendungen/radio_colonia/parole_in_liberta/parole_in_liberta_uebersicht100.html

Qui di seguito i link alle puntate trasmesse:

Farci una croce sopra
È il nostro modo per dirci rassegnati alla perdita o alla rinuncia di qualcosa che si avrebbe diritto di avere o esigere. [continua]

Prendere in castagna
Si dice quando si intende cogliere sul fatto, sorprendere in flagranza di reato o errore. Ma cosa c’entrano le castagne? [continua]

Bacucco
È la definizione che la nostra lingua utilizza per prendere le distanze da chi, fisicamente o anche solo idealmente, rappresenta o sostiene concezioni bigotte o retrograde. [continua]

Piantare baracca e burattini
È il nostro modo di dire più fantasioso per alludere ad una decisione definitiva, una svolta radicale della nostra vita. [continua]

Vedere i sorci verdi
Lo diciamo di qualcuno o qualcosa talmente straordinario da incutere sgomento e indurre a crederci vittime di una allucinazione. [continua]

Reggere il moccolo
Si dice della scomoda situazione di chi assiste o favorisce un incontro amoroso. Scopriamo l’origine di questo modo di dire con l’esperta. Ma prima lo chiediamo a voi. [continua]

Il sale sulla coda
Sono le forze dell’ordine a mettercelo, quando, ad esempio, catturano un ricercato da lungo tempo uccel di bosco. [continua]

Fare la gatta morta
Simulare disinteresse, un atteggiamento remissivo che nasconde le vere intenzioni. [continua]

Pesci in faccia
Lo diciamo di maniere e parole tracotanti e volgari rivolte per offendere e umiliare [continua]

Farla franca
Uscire indenni da una situazione rischiosa, sfuggire ad un castigo meritato grazie alla propria fortuna o alla generosità degli altri. [continua]

L’amico Fritz
È il nostro modo per alludere ambiguamente a qualcuno che potrebbe risolvere un problema, qualcuno che però si preferisce non nominare. [continua]

Scacco Matto
È il nostro modo di dire per intendere una sconfitta irrimediabile e definitiva. Ma a parte immaginarci il re impazzito, cerchiamo di capire l’origine di quest’espressione. [continua]

Avere il bernoccolo
Per gli affari o per la matematica, ma anche per la metafisica. È il nostro modo per alludere ad una particolare predisposizione delle capacità intellettive. [continua]

Fare cappotto
Vuol dire stravincere, sconfiggere l’avversario in maniera memorabile e straordinaria. Ma cosa c’entra il cappotto? [continua]

Vedere i sorci verdi
Lo diciamo di qualcuno o qualcosa talmente straordinario da incutere sgomento e indurre a crederci vittime di una allucinazione. [continua]

 

Condividi

I commenti sono chiusi.

error: Content is protected !!