Lo speciale di Rai Letteratura per il Natale

0

logo_rai letteraturaPer il periodo natalizio Rai Cultura ha selezionato una serie di testi nell’interpretazione di scrittori che quei testi hanno particolarmente amato. Sono inediti il racconto di Dacia Maraini e quattro delle poesie lette da Valerio Magrelli; Ivan Cotroneo legge Natale in casa Cupiello, Benedetta Cibrario un passo dal suo Scurnuso, Erri de Luca immagina una nuova Natività e Lorenzo Pavolini si cimenta con I figli di Babbo Natale di Italo Calvino.

 

Ivan Cotroneo legge “Natale in casa Cupiello”

Nel 2014 ricorre il trentennale di Eduardo de Filippo (morto nel 1984) e Rai Cultura lo sta celebrando con la messa in onda su Rai 5 delle sue commedie più famose. Noi vi proponiamo una lettura da Natale in casa Cupiello. A cimentarsi con il testo è lo scrittore Ivan Cotroneo.

Lorenzo Pavolini legge “I figli di Babbo Natale”

“I figli di Babbo Natale“ è l’ultimo racconto della raccolta di Italo Calvino, Marcovaldo ovvero Le stagioni in città, un libro pubblicato nel 1963 che conserva tutta la sua attualità. A leggerlo per noi è Lorenzo Pavolini.

Benedetta Cibrario legge “Lo Scurnuso”

Benedetta Cibrario, autrice di Rossovermiglio e Sotto cieli noncuranti, legge un passo dal suo ultimo romanzo uscito da Feltrinelli, Lo scurnuso. Lo ‘scurnuso’ a Napoli è il vergognoso e così viene definita una statuina da presepe, che raffigura un mezzo storpio con i piedi e le mani rattrappiti. …

Dacia Maraini legge: “Un Natale nella palla di vetro”

Nel racconto inedito che Dacia Maraini ci legge  rivive l’esperienza di un Natale giapponese di tanti anni fa. A scatenare il ricordo è un oggetto: una mezza palla di neve con sotto scritto Tokyo.

Erri de Luca legge “In nome della madre”

“Abituati al deserto che è di nessuno, dove si sta tra terra e cielo senza l’ombra di un muro, di un recinto. Abituati al bivacco, impara la distanza che protegge dagli uomini. Non è esilio il deserto, è il tuo luogo di nascita“: Erri de Luca legge un passo del suo libro In nome della madre del 2006.

Luca Damiani: “la tradizione dei canti di Natale”

La tradizione dei canti natalizi appartiene soprattutto ai paesi nordici, dove si è originariamente formata e radicata, ma trova collegamento e riscontri anche nella letteratura italiana e in particolare in alcune figure in cui storia, spiritualità e cultura si fondono in un felice connubio.

Valerio Magrelli: “Natale, credo”

Dalla raccolta Il sangue amaro, Valerio Magrelli legge la poesia Natale, credo   Valerio Magrelli, nato a Roma, nel 1957, insegna letteratura francese all’Università di Cassino. Ha pubblicato sei raccolte di versi: Ora serrata retinae (1980), Nature e venature (1987), Esercizi di tiptologia …

A questo link sarete indirizzati alla pagina di Rai Cultura con tutti i file a disposizione.

 

 

 

 

 

Condividi

I commenti sono chiusi.

error: Content is protected !!

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetto tutti i cookie', oppure clicca sull'icona a sinistra per accedere alle impostazioni personalizzate. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento, dalla pagina Cookie Policy

Impostazioni Cookie

Cookie TecniciIl nostro sito utilizza cookie tecnici. Si tratta di cookie necessari per il funzionamento del sito.

Cookie AnaliticiIl nostro sito utilizza cookie analitici, per permettere l'analisi del nostro sito e per ottimizzarlo ai fini dell'usabilità.

Cookie Social MediaIl nostro sito utilizza cookie Social Media, per mostrare contenuti di terze parti, come YouTube e FaceBook. Questi cookie potrebbero tracciare i vostri dati personali.

Cookie di MarketingIl nostro sito utilizza cookie di marketing, per mostrare annunci di terze parti basati sui tuoi interessi. Questi cookie potrebbero tracciare i tuoi dati personali.

Altri cookieIl nostro sito utilizza cookie di terze parti che non sono analitici, di Social Media né di Marketing.