L’italiano non va eliminato dalle scuole francesi

0

Sul tema “lingua italiana in Francia” vi segnaliamo questo articolo firmato da Francesca Irene Sensini, docente presso L’Università di Nizza Sophia Antipolis – Sies, Sociéte des Italianistes de l’Enseignement Supérieur

Il due maggio di cinquecento anni fa Leonardo da Vinci moriva in Francia nel maniero di Clos-Lucé adiacente al castello di Francesco I sulle rive della Loira. Era arrivato nel 1516 dopo aver accolto l’invito del re francese di unirsi alla sua corte per «sognare, pensare e lavorare» liberamente. E l’artista superò le attese stesse di Francesco, declinando sogni e pensieri in tutte le possibili forme della sua intelligenza del mondo, dal progetto urbanistico della città ideale di Romorantin agli apparati scenografici con macchine e automi per le feste di corte, dalla pittura agli studi scientifici di cui recano ampia testimonianza i suoi manoscritti.

Per celebrare questa figura d’eccezione, trait d’union ideale tra Italia e Francia, il Presidente Sergio Mattarella sarà accolto giovedì dal presidente francese Emmanuel Macron ad Amboise. In Francia, tuttavia, si delinea con sempre maggiore chiarezza e urgenza un problema che intacca le basi stesse di questa amicizia e passione reciproche: la progressiva crisi che vive l’insegnamento della lingua italiana in conseguenza della riforma voluta dal Ministro dell’Istruzione francese, Jean-Michel Blanquer.

Continua a leggere l’articolo sul sito del quotidiano “Il Manifesto”

 

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie