LAC, un ponte culturale tra Nord e Sud delle Alpi

0

SWI-swissinfo.ch_Il LAC, Lugano Arte e Cultura, presenta all’Istituto Svizzero di Roma la sua terza stagione di attività. Durante l’incontro a Villa Maraini, il direttore Michel Gagnon, insieme ai direttori artistici Carmelo Rifici e Etienne Reymond, hanno illustrato il programma che esordirà con la mostra “Sulle vie dell’illuminazione. Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017″. L’evento culturale permeerà il LAC per tutto l’autunno.

La caratteristica trasversalità del centro, uno spazio unico dove interagiscono, contaminandosi, arti visive, sceniche e musica, offrirà un percorso nella cultura indiana, attraverso la sua magia di suoni e tradizioni. Un’icona culturale, quella dell’India, che ha esercitato nei secoli, un particolare ascendente sull’Occidente. Il LAC ospiterà alcuni dei più grandi artisti indiani. Dalla ballerina Shantala Shivalingappa, che vanta esperienze con Pina Bausch e Maurice Béjart, all’artista pluripremiato Aakash Odedra. La danza classica tradizionale indiana, si accosterà alle più interessanti forme di danza contemporanea. Per la musica tradizionale si esibirà Nishat Khan, definito “il più elegante suonatore di sitar della nuova generazione”.

Ponte tra la Svizzera e l’Italia

Nel corso dell’incontro all’Istituto Svizzero si è sottolineata l’importanza dei rapporti del LAC con l’Italia. I solidi legami maturati con le istituzioni culturali della penisola. Si è affrontato il tema della centralità che il LAC si prefigge di ottenere, offrendosi di fare da ponte tra le culture a nord delle Alpi e quelle mediterranee. Non è mancato uno sguardo ai due anni di attività trascorsi, un bilancio che può considerarsi positivo per molti aspetti. Il LAC si profila come polo di riferimento per molte tra le maggiori realtà artistiche e culturali internazionali. La qualità acustica e strutturale del LAC, è un’attrattiva per artisti di maggiore spessore del panorama mondiale.

Oltre ad ospitare spettacoli di prosa dai teatri italiani, il LAC ha creato un proprio centro di produzione artistica, l’unico centro svizzero in lingua italiana. Un progetto nato dal rapporto con l’Italia e che ha favorito molte coproduzioni, inserendo Lugano ed il Ticino nel panorama produttivo, favorendo lo sviluppo di professionalità non presenti nel territorio. Mestieri che per poterli fare bisognava lasciare il Ticino.



Condividi

I commenti sono chiusi.

error: Content is protected !!

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetto tutti i cookie', oppure clicca sull'icona a sinistra per accedere alle impostazioni personalizzate. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento, dalla pagina Cookie Policy

Impostazioni Cookie

Cookie TecniciIl nostro sito utilizza cookie tecnici. Si tratta di cookie necessari per il funzionamento del sito.

Cookie AnaliticiIl nostro sito utilizza cookie analitici, per permettere l'analisi del nostro sito e per ottimizzarlo ai fini dell'usabilità.

Cookie Social MediaIl nostro sito utilizza cookie Social Media, per mostrare contenuti di terze parti, come YouTube e FaceBook. Questi cookie potrebbero tracciare i vostri dati personali.

Cookie di MarketingIl nostro sito utilizza cookie di marketing, per mostrare annunci di terze parti basati sui tuoi interessi. Questi cookie potrebbero tracciare i tuoi dati personali.

Altri cookieIl nostro sito utilizza cookie di terze parti che non sono analitici, di Social Media né di Marketing.