“La cultura come identità”: Giorgio van Straten e il ruolo dell’Italia a New York

0

voce di new york_new logoDal sito de “La Voce di New York”

La video-intervista della Voce di New York al direttore dell’istituto italiano di Cultura, confermato per un secondo mandato

“L’Italia è viva, ricca di creatività e capace ancora di generare cultura”. Il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di New York Giorgio van Straten, ne è certo: tutto fa cultura. Lo scrittore, nato a Firenze, è direttore dell’istituto dal 2015 e ci ha parlato del ruolo del nostro Paese a New York: dall’arte alla letteratura, dai libri alla lingua.

La diffusione della cultura italiana in America: è questa la ragion d’essere dell’Istituto Italiano di Cultura di New York. Dall’arte alla letteratura, dai libri ai social network e soprattutto alla lingua, “tutto fa cultura”, perché negli Stati Uniti, dell’Italia si apprezza e si imita soprattutto il lifestyle, in tutte le sue forze, come ci spiega il direttore Giorgio van Straten, al suo secondo mandato alla guida del prestigioso istituto newyorkese.

Scrittore di romanzi e saggistica, traduttore, vincitore di vari premi, tra cui lo Zerilli-Marimò, van Straten si è occupato di storia, ebraismo, giornalismo e mezzi di comunicazione, musica, teatro, arte. Nato a Firenze nel 1955, dal 2015 è direttore dell’istituto italiano di Cultura a New York. Tra il sunto di quanto svolto durante il primo mandato e lo sguardo ben proiettato al futuro, abbiamo parlato con lui di libri e di opere, abbiamo sentito parlare di testi del passato (“perché è da essi che si impara per il futuro”) e abbiamo riscoperto l’amore dell’America verso l’Italia. La considera fonte di ispirazione e di ingegno. Perché, come ci spiega il direttore, che sarà protagonista di una nuova rubrica sulle pagine de La Voce di New York focalizzata sui libri del passato, “l’Italia è viva, ricca di creatività e capace ancora di generare cultura”. Lo abbiamo incontrato e intervistato per affrontare questi e altri temi, nella prestigiosa sede di Park Avenue, a Manhattan.

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetto tutti i cookie', oppure clicca sull'icona a sinistra per accedere alle impostazioni personalizzate. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento, dalla pagina Cookie Policy

Impostazioni Cookie

Cookie TecniciIl nostro sito utilizza cookie tecnici. Si tratta di cookie necessari per il funzionamento del sito.

Cookie AnaliticiIl nostro sito utilizza cookie analitici, per permettere l'analisi del nostro sito e per ottimizzarlo ai fini dell'usabilità.

Cookie Social MediaIl nostro sito utilizza cookie Social Media, per mostrare contenuti di terze parti, come YouTube e FaceBook. Questi cookie potrebbero tracciare i vostri dati personali.

Cookie di MarketingIl nostro sito utilizza cookie di marketing, per mostrare annunci di terze parti basati sui tuoi interessi. Questi cookie potrebbero tracciare i tuoi dati personali.

Altri cookieIl nostro sito utilizza cookie di terze parti che non sono analitici, di Social Media né di Marketing.