La Comunità radiotelevisiva italofona augura a tutti e tutte un buon Natale e un felice anno nuovo

0

natalrid_2

Vi proponiamo una riflessione del nostro Presidente sul ruolo del servizio pubblico radiotelevisivo nell’ambito linguistico e culturale italofono, tema centrale dell’Assemblea generale 2016

Il tema della tavola rotonda tenuta a Roma l’11 ottobre scorso durante i lavori dell’Assemblea annuale della Comunità radiotelevisiva italofona, investe aspetti che trasversalmente vanno dalla cultura all’economia, dalla politica alla scienza, dalla consapevolezza delle proprie origini alla capacità di aprirsi e di confrontarsi nell’ascolto di altri punti di vista espressi e contenuti nell’odierno accavallarsi delle lingue e delle culture.
Indubbiamente il servizio pubblico in Europa, che siano le poste, le ferrovie o la radiotelevisione, è da tempo e da più parti oggetto di critiche, attacchi, proposte di smantellamento.
In particolare, il servizio pubblico radiotelevisivo, una volta punto di riferimento per il pubblico e per la cosiddetta società civile, è oggi fragilizzato non solo dalla concorrenza tradizionale ma, per non dire soprattutto, dalla moltiplicazione delle tecnologie di diffusione e relative offerte, che hanno frantumato l’utenza e messo in crisi linguaggi, modalità di fruizione, contenuti e rapporti col pubblico stesso.
Dentro quella che potremmo definire una “impermanenza liquida” quali spazi, compiti e obiettivi può (o deve) ancora ritagliarsi il servizio pubblico radiotelevisivo? Attraverso quali vettori, modi e contenuti gli sarà possibile (o concesso) connettersi con certezza e stabilità ai suoi vari pubblici e rispettivi bisogni?
Si tratta di domande che non possono essere eluse anche nei confronti dell’impegno verso la promozione della lingua e della cultura italiana. Non soltanto l’intero sistema mediatico si è frantumato ma, particolarmente in questi ultimi anni, le lingue stesse, con le culture di cui sono portatrici, si intersecano, si sovrappongono, di combattono, dilagano e si marginalizzano in rivolgimenti epocali e conflitti di cui la lingua è spesso vittima e testimone allo stesso tempo.
Il pericolo è che tutto venga inghiottito in una indifferenza superficialmente condivisa dove terra e cielo, l’identità e la sua perdita, la memoria e l’oblio si annullano a vicenda in nome di un’apparente integrazione.
Proprio qui però potrebbe porsi il punto di partenza di un rinnovato compito del servizio pubblico radiotelevisivo, soprattutto (ma non solo) là dove l’italiano è lingua minoritaria: saper comunicare mantenendo viva la propria coesione culturale attraverso una lingua e una cultura in grado di dialogare con altre realtà culturali e linguistiche. Una lingua, insomma, che “va” e che “torna”, che dà e che riceve, esportando e importando, facendosi ascoltare e rispettare.
Tutto questo ha un costo? Sempre la qualità e le qualità esigono costi che le logiche di mercato non sopportano e che la politica spesso non legittima. In un mondo frettoloso, divoratore di ansie, sempre meno le qualità sono considerate necessarie e benvenute. Ma questo è un altro discorso: forse per l’anno che verrà?
(Dino Balestra)

neve3

Buon ascolto con  la nuova coproduzione “Italiano, cucina e…” otto emittenti si confrontano sull’italiano e la cucina, declinandoli con i grandi temi della nostra cultura: dal cinema all’opera, dalle fiabe alla letteratura, dal teatro ai libri, dai cantautori ai programmi radiotelevisivi.

Con la partecipazione di:  Radio3 Rai, Radio RSI, Radio Vaticana, Radio Atene; Radio San Marino, Radio Capodistria, Radio Rai Friuli Venezia Giulia e per la prima volta con noi, direttamente da Buenos Aires, RAE Argentina al Mondo.
Fate click qui per seguire gli aggiornamenti sulle messe in onda e le informazioni sulle puntate.

La Comunità radiotelevisiva italofona

augura a tutti e a tutte

buon Natale e felice anno nuovo

paisajes-de-navidad-d5

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie