Igiaba Scego: il sogno dell’Italia

0

logo_rai letteraturaUna storia a due voci: quella di Adua e di suo padre Zoppe. Cresciuti in Somalia con il mito dell’Italia, entrambi, in tempi diversi, subiscono un’enorme delusione. Nel personaggio di Zoppe, che lavora da interprete per i fascisti rivive la storia violenta del colonialismo italiano, Adua invece è attirata dal mondo del cinema e da questo sfruttata e umiliata. Il romanzo Adua appena uscito da Giunti, racconta la storia dei rapporti italo-somali e arriva ai tempi nostri, mettendo in scena un giovane rifugiato chiamato Titanic per il modo in cui è approdato nel nostro paese. Igiaba Scego descrive in questa intervista i temi del libro e la sua lingua che definisce in-between.

Igiaba Scego è nata a Roma nel 1974. Collabora con «Internazionale», «Lo straniero», «la Repubblica». Tra i suoi libri: Pecore nere, scritto insieme a Gabriella Kuruvilla, Laila Wadia e Ingy Mubiayi (Laterza 2005); Oltre Babilonia (Donzelli 2008); La mia casa è dove sono (Rizzoli 2010, Premio Mondello 2011), Roma negata (con Rino Bianchi, Ediesse 2014).

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie