Sconfinamenti – La programmazione dal 25 al 31 gennaio 2021

0

Prosegue la programmazione della trasmissione radiofonica “Sconfinamenti” della Sede Regionale RAI per il FVG (in convenzione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri italiano), curata da Massimo Gobessi: uno spazio quotidiano -ogni giorno dalle 16.00 alle 16.45 e la domenica dalle 14.30 alle 15.30- che è dedicato agli italiani dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia. Viene diffuso in onda media sulla frequenza AM 936 e anche, in diretta streaming, dal sito internet www.sedefvg.rai.it e copre tutto il bacino dell’alto Adriatico.

Lunedì in apertura, i contenuti dell’inserto InPiùSpettacoli, de La Voce del Popolo, in edicola domani. Puntata dedicata al sisma che ha colpito l’area di Petrinja con il resoconto delle numerose ricognizioni effettuate al patrimonio culturale locale da parte dei Caschi blu della cultura italiani in missione in Croazia; a seguire i ringraziamenti del Ministro della Cultura croato, Nina Obuljen Koržinek, per l’aiuto offerto, incontrando l’Ambasciatore d’Italia a Zagabria, Pierfrancesco Sacco; infine l’opera di volontariato della Comunità degli Italiani di Spalato.

Martedì presentazione del libro Amici Alberi. Semplici regole per trattarli bene, (Libreria della Natura Ed.) di Roberto Barocchi Aldo Cavani e Giorgio Valvason. Un’agile guida per comprendere come vivere in armonia, nei diversi ambienti, con i differenti tipi di piante. Nella seconda parte Dino Cafagna con il suo saggio I Templari a Trieste. Sulle tracce dell’Ordine Templare sul nostro territorio (Luglio Ed.).

Mercoledì in apertura, i contenuti dell’inserto InPiùEconomia de La Voce del Popolo in uscita domani. In occasione del Giorno della Memoria si parlerà della collocazione, a Padova, di quattro “Pietre d’inciampo”, che si aggiungono ad altre già allogate negli anni precedenti. Si tratta di Ester Giovanna Colombo e Guido Usigli, deportati e uccisi ad Auschwitz; Celina Trieste, deportata e uccisa a Trieste-Risiera di San Sabba e di Padre Placido Cortese, chersino, incarcerato, torturato e ucciso nella sede delle SS a Trieste. Nella seconda parte ci occuperemo del libro Noi, bambine ad Auschwitz. La nostra storia di sopravvissute della Shoah di Andra Bucci e Tatiana Bucci, pubblicato in Italia dalla Mondadori nel 2019 e ora disponibile anche in lingua croata grazie alla traduzione di Vanesa Begić.

Giovedì continuiamo a tenere viva la Memoria illustrando il Giardino dei Giusti di Padova, luogo che conosceremo ritornando al 2008, anno di inaugurazione del Giardino, quando furono piantati dieci alberi da frutto per altrettanti Giusti, uno dei quali in onore proprio di Padre Placido Cortese. Sconfinamenti ricorderà la figura del sacerdote, originario di Cherso, che durante il secondo conflitto mondiale salvò centinaia di persone tra civili, ebrei, perseguitati politici e militari alleati.  Inoltre, si presenterà il documentario, realizzato nell’ambito della TV transfrontaliera dalla Struttura dei Programmi Sloveni della RAI, dal titolo Pisma iz Auschwitza/Lettere da Auschwitz.  La versione slovena sarà trasmessa giovedì 28 gennaio alle 22.30 su TV Capodistria e domenica 31 gennaio alle 21.00 su RAI3/bis. La versione italiana andrà in onda domenica 31 gennaio alle 9.15 su RAI3/FVG e alle 20.30 su TV Capodistria.

Venerdì in apertura, i contenuti dell’inserto Dentro Fiume, de La Voce del Popolo, in edicola sabato; a seguire la presentazione degli atti del convegno, organizzato dal Circolo di Cultura Istro-Veneta Istria, “Ritornare si può? I presupposti per un progetto di ritorno culturale e socio-economico delle seconde e terze generazioni dell’esodo”, che si tenne a Trieste e a Fiume nel novembre 2019.

Sabato Presentazione del saggio di Valeria Messina Cent’anni in fondo al Lago (Ed. Efesto). La storia di un misterioso relitto nel lago di Como ci permette di scoprire l’incredibile vita del suo inventore, il triestino Francesco Kalin; a seguire visita radiofonica al MAS-Museo Nazionale delle Attività Subacquee di Marina di Ravenna.

Domenica illustrazione del saggio di Paola Delton Costumi popolari dell’Adriatico orientale–la Collezione del Centro di Ricerche Storiche di Rovigno (Collana degli Atti n. 48 del CRS); a seguire il libro Quando le donne portavano el cocon (Un. Popolare Aperta Buie) curato da Rosanna Bubola e dedicato alla figura di Luigia Vascotto, Gigia Cana di Buie.

Si ricorda che, cliccando su Sconfinamenti, presente nella home page del sito e successivamente su ascolta e scarica le puntate, è possibile riascoltare e scaricare le trasmissioni già andate in onda grazie al servizio podcast.

FOTO. Francesco Kalin

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetto tutti i cookie', oppure clicca sull'icona a sinistra per accedere alle impostazioni personalizzate. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili. Potrai modificare le tue preferenze in qualsiasi momento, dalla pagina Cookie Policy

Impostazioni Cookie

Cookie TecniciIl nostro sito utilizza cookie tecnici. Si tratta di cookie necessari per il funzionamento del sito.

Cookie AnaliticiIl nostro sito utilizza cookie analitici, per permettere l'analisi del nostro sito e per ottimizzarlo ai fini dell'usabilità.

Cookie Social MediaIl nostro sito utilizza cookie Social Media, per mostrare contenuti di terze parti, come YouTube e FaceBook. Questi cookie potrebbero tracciare i vostri dati personali.

Cookie di MarketingIl nostro sito utilizza cookie di marketing, per mostrare annunci di terze parti basati sui tuoi interessi. Questi cookie potrebbero tracciare i tuoi dati personali.

Altri cookieIl nostro sito utilizza cookie di terze parti che non sono analitici, di Social Media né di Marketing.