Punto e a capo del 16 gennaio 2020 – L’Istria e il bilinguismo di facciata

0

L’italiano è lingua molto amata e studiata all’estero ma non altrettanto in salute in Istria, un’area storicamente plurale dove l’italiano gode di un alto grado di tutela formale ma  di fatto è assai poco presente a livello pubblico. Ora una ricerca voluta dal Consiglio della minoranza italiana della Regione istriana cerca di fare il punto e suggerisce i possibili interventi per arginare la deriva e dare sostanza al bilinguismo ufficiale nelle città e nei comuni dove risiedono i nostri connazionali. C’è un elemento importante su cui si può fare leva per un’inversione di tendenza, sostengono gli esperti che hanno curato l’indagine, ed è l’atteggiamento di favore con cui viene visto dai più l’italiano, considerato da molti croatofoni come una ricchezza del territorio. La situazione al momento non è confortante: nelle quattro località campione (Buie, Rovigno, Torre di Parenzo, Sissano), l’unico aspetto in cui viene attuato il principio del bilinguismo integrale è quello della denominazione di vie e piazze, rigosamente bilingui. Un po’ poco.

Clic qui per riascoltare la puntata

 

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie