Tunisia: Studi Mediterranei, Italianistica in primo piano

0

LogoIICIl 22 e 23 febbraio si terrà all’Istituto Italiano di Cultura si terrà il convegno internazionale intitolato  ”Percorsi migratori e simbolici sulla maternità: il suo ruolo fondamentale nella cultura mediterranea” che si propone come momento di riflessione sulle metodologie e sugli strumenti adottati rispettivamente nella ricerca e nella didattica dell’italianistica.  Organizzato dal Dipartimento di Italianistica dell’Università de La Manouba, in collaborazione con l’Aislli (Associazione Internazionale Studi di Lingua e Letteratura italiana) – Africa – e l’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi, il convegno vedrà numerosi studiosi del settore, appartenenti ad università tunisine e straniere, intervenire sulle diverse modalità dello studio linguistico, letterario, storico e artistico inerenti alla maternità, alla filiazione e all’identità in seno ad uno spazio mediterraneo.

I promotori dell’evento, la direttrice del Dipartimento di Lingue de La Manouba, prof.ssa Meriem Dhouib, e il prof. Alfonso Campisi, docente di filologia italiana e romanza presso la suddetta Università e presidente dell’Aislli (Africa), sottolineano ad ANSAmed quanto sia importante, specie in questo particolare momento storico, riflettere sul concetto di spazio comune, di origini condivise, di un’identità e di una lingua unica in una visione univoca del mondo, sulla possibilità di rintracciare un’identità molteplice a partire da una identica matrice comune, il mare nostrum. Verranno inoltre affrontate nella conferenza tematiche inerenti al conflitto in seno alle nuove società multiculturali e multirazziali, come il gender e l’identità sessuale.

Tanti gli invitati nazionali e stranieri che hanno accettato con entusiasmo il nostro invito a venire in Tunisia, a dimostrazione di una vicinanza non solo ideale a queste tematiche che interessano tutti gli abitanti della regione mediterranea, spiegano Dhouib e Campisi. Tra gli ospiti di eccezione e amici della Tunisia il prof. Mike Baynham dell’Università di Leeds, il prof. Flaviano Pisanelli dell’ Università Montpellier 3, la scrittrice e giornalista Ilaria Guidantoni, a moderare gli inteventi, Rawdha Zausci-Razgallah, docente di letteratura italiana all’Istituto Superiore di Lingue a Tunisi (Islt), Università di Cartagine e coordinatrice del master Comunicazione Interculturale e la prof.ssa Silvia Finzi de La Manouba.

 

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie