Teoria e pratica della punteggiatura

0

In un racconto di Anton ÄŒechov sul punto esclamativo si legge: «Non basta che i segni d’interpunzione li poniate correttamente… non basta! Bisogna porli consapevolmente!» In quell’avverbio c’è tutta la filosofia di Questo è il punto: un viaggio tra nuovi e vecchi dubbi sui segni interpuntivi alla ricerca di una consapevolezza possibile. Perché le regole ci sono tutte e bisogna solo imparare a seguirle a seconda del contesto (tenendo conto delle differenze che ci sono tra una lettera commerciale, un testo letterario o un sms informale), avendo come unico obiettivo la chiarezza del messaggio che si intende trasmettere. È allora necessario superare l’antica concezione secondo cui la punteggiatura serve a riprodurre nello scritto le pause della respirazione nel parlato, riconoscendole pienamente il ruolo che determina sul piano del significato. Per spiegarci tutto questo, Francesca Serafini attinge esempi a un serbatoio variegato di materiali: dalla grande letteratura al videogioco, dai social network alla linguistica scientifica, fino alle serie televisive come Scrubs, creata da Bill Lawrence, che accompagna con i suoi personaggi irresistibilmente comici tutta la trattazione. Nella guida pratica in forma di glossario contenuta nel libro, a ogni segno corrispondono regole ed eccezioni d’autore, in una successione di consigli utili a chiunque scriva per mestiere, per passione o semplicemente per comunicare, in un’epoca in cui – tra Facebook, Twitter, email e sms – la scrittura, a dispetto della sua complessità, conosce un’espansione sorprendente.

Clicca qui per ascoltare l'intervista all'autrice

Condividi

Leave A Reply

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie