Rapporto ISTAT sulle diversità linguistiche in Italia

0

stranieriL’ISTAT ha fotografato la situazione delle diversità linguistiche nel nostro paese. L’Istituto ha infatti diffuso in questi giorni i dati di un rapporto statistico che ha come oggetto la diversità lunguistica dei cittadini stranieri in Italia.

La lingua di origine più diffusa tra gli stranieri è il rumeno, indicato come lingua madre dal 21,9% della popolazione straniera, si tratta di circa 800 mila persone, seguito dall’arabo (oltre 475 mila persone, 13,1%), l’albanese (380 mila) e lo spagnolo (255 mila), parlato da persone provenienti prevalentemente dagli Stati andini dell’America meridionale.

Gli stranieri di madrelingua italiana sono oltre 160 mila, pari al 4,5% della popolazione straniera di 6 anni e più. Nel 16,8% dei casi essi sono cittadini albanesi, nel 12,1% marocchini e nell’11,1% rumeni. Tra i minorenni, è di madrelingua italiana uno su quattro. Sono l’8,1% gli stranieri (di 6 anni e più) che dichiarano di conoscere la lingua italiana in età prescolare oltre ad un’altra lingua.

Tra i maggiorenni, 17 stranieri su 100 hanno seguito corsi di italiano. Le persone di madrelingua araba seguono corsi di italiano più frequentemente rispetto agli altri (23%).

Per il 38,5% degli stranieri di sei anni e più la lingua prevalente in famiglia è l’italiano. Tra le donne la quota arriva al 45,7%, rispetto al 29,7% degli uomini, ma sono soprattutto i minori (6-17 anni) a parlare italiano in famiglia (47,3% contro il 36,8% dei maggiorenni).

A questo link del sito Istat potrete scaricare il rapporto completo, quest’altro link è per scaricare solo le tabelle con i dati

Condividi

Leave A Reply

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più