Punto e a capo del 2 novembre 2017

0

capodistriaA cent’anni dalla battaglia di Caporetto, la puntata propone  alcune riflessioni sull’impatto che la Grande guerra ha avuto nella storia della lingua italiana, e lo fa, in particolare, sulla scorta della storica raccolta di “Lettere di prigionieri di guerra italiani” del filologo austriaco Leo Spitzer, un’opera fondamentale per gli studi storici e linguistici su quel periodo riproposta nel 2016 da Il Saggiatore in una nuova edizione curata da Lorenzo Renzi. È la guerra vista dal basso, sono le sofferenze della prigionia, l’internamento, la profuganza raccontate da persone semplici, gente che è stata poco a scuola, che ha scarsa dimestichezza con la penna; e spinta dal bisogno di comunicare si esprime come può, in un italiano stentato e incerto, non senza tracce di dialetto.

A seguire,  la rubrica “Leggio di Luigi Tassoni” rende omaggio allo scrittore e regista Giorgio Pressburger, grande voce della cultura europea, da poco scomparso a Trieste all’età di ottant’anni.

Per riascoltare la puntata:
http://4d.rtvslo.si/arhiv/punto-e-a-capo/174500046

Un ricordo di Giorgio Pressburger:
http://4d.rtvslo.si/arhiv/leggio/174500048

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie