New York, il volto del nuovo italo-americano

0

italian_american_flags_little_italy_new_york_city_photograph_ef1f585cVi proponiamo la prima parte di una inchiesta pubblicata sul sito Panorama, dove l’autore, il musicista Mimì De Maio, delinea il profilo del nuovo italo-americano attraverso i suo incontri, interviste e amicizie. La riflessione è ovviamente legata alla visione della lingua, della cultura e del modo di vivere italiano negli USA.

New York, il volto del nuovo italo-americano
di Mimì De Maio

Che la presenza degli italiani negli Stati Uniti fosse ampia è risaputo. La National Italian American Foundation (NIAF) e l’Order of Sons of Italy in America (OSIA) stimano che gli Americani di origine italiana siano circa 25-26 milioni.

La domanda d’italiano e d’Italia da parte della società americana è in crescita. Gli studenti d‘italiano nelle università americane sono passati da quasi 50mila nel 1990 a oltre 71mila nel 2013 (dati della Modern Language Association – MLA). Si identifica l’italiano quale lingua della cultura e, più in generale, accesso preferenziale allo stile di vita italiano. Ma se questi dati sono in crescita, diminuisce la presenza dello stereotipo italo/americano. Non è un caso che Little Italy sta sparendo in favore di China Town. Non poteva essere altrimenti. Quell’Italia non esiste più.

Continua a leggere su sito di Panorama

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie