Mattarella: “La lingua italiana può essere un veicolo di integrazione”

0

Presidente_Sergio_MattarellaIl presidente della Repubblica Sergio Mattarella è intervenuto a Milano, al Museo diocesano, all’82^ congresso della Società Dante Alighieri e ha dichiarato: “La lingua italiana può essere un veicolo di integrazione tra cittadini di diverse comunità di migranti che si stanno insediando nel nostro territorio” per questo “dobbiamo essere più impegnati a promuovere la conoscenza della nostra lingua nei loro confronti”.

“La lingua – ha proseguito il presidente – è conoscenza e la conoscenza abbatte i muri, previene i ghetti. Per questo dobbiamo impegnarci alla massima diffusione dell’italiano anche quei Paesi a noi vicini, come i Balcani e quelli che si affacciano sul Mediterraneo, dove può diventare strumento di pace, di amicizia e di collaborazione”.

“I tempi che ci aspettano sono carichi di sfide, prospettive e incognite. Il vento della globalizzazione soffia in modo crescente e non saranno i muri o le barriere a fermarlo”, ha affermato il presidente della Repubblica. “Per assicurare ai nostri figli un futuro di pace – ha aggiunto – non servono persone con la testa rivolta all’indietro, condannate a camminare a ritroso ma abbiamo bisogno di filosofi, intellettuali, politici e scienziati con capacità di lungimiranza”.

“Non dobbiamo avere paura o remore nei confronti della globalizzazione. Il carattere globale – ha detto Mattarella – non è negativo o positivo, solo diverso. Per l’Italia, accanto ai rischi ci sono opportunità se sapremo esprimere innovazione e genialità”.

Condividi

I commenti sono chiusi.

error: Content is protected !!