L’italiano del futuro: forse «careless», ma l’Italia è questa

0

logoVi proponiamo questo articolo scritto da Michele Rainone e pubblicato sul sito sulromanzo.it nel quale vengono descritte delle ipotesi sull’evoluzione della lingua italiana nel prossimo futuro. Più che vere ipotesi si tratta, a detta dell’autore, di supposizioni basata in ogni caso su studi scientifici di eminenti linguisti a partire da Gaetano Berruto e Mara Marzullo.

Un articolo molto approfondito, quindi, ricco di indicazioni, osservazioni e spunti di riflessione.

 

L’italiano del futuro: forse «careless», ma l’Italia è questa

di Michele Rainone

Se prendete un qualsiasi manuale di sociolinguistica, ipotizzare l’italiano del futuro non vi parrà difficile, e non solo: potreste cercare di prevedere le tendenze della lingua dei prossimi anni anche sentendo parlare con attenzione chi vi è intorno o facendovi un giro sui diversi social network, soprattutto su Facebook, dove le chat permettono di fare non poche riflessioni sull’italiano e sul suo stadio attuale (l’ormai noto italiano neostandard, dell’uso medio o tendenziale).

Va da sé che quelle che avrete saranno soltanto delle idee, che vi porteranno a delle supposizioni: sapete bene, infatti, che ogni ricerca deve basarsi su prove concrete e campioni significativi per poter essere presa in considerazione e apportare un contributo importante agli studi scientifici; capita spesso, per esempio, di sentir dire che il congiuntivo italiano è morto, ma niente di tutto questo è vero: il congiuntivo è vivo e vegeto, e non pochi linguisti lo ribadiscono, anche in testi divulgativi di facile accesso (un libro da leggere sull’argomento è Comunque anche Leopardi diceva le parolacce. L’italiano come non ve l’hanno mai raccontato di Giuseppe Antonelli, edito da Mondadori, ma gli esempi potrebbero esserne molti di più). Qualcuno diceva che i dialetti sarebbero morti, ma neanche questo è successo (soprattutto se pensate a lingue come il sardo e il veneto): insomma, le idee e le supposizioni sono alla base della ricerca scientifica, ma non possono diventare teoria fondante se non sono supportate da indagini significative e adeguate.

Continua a leggere sul sito sulromanzo.it

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più