La Regione Lazio riconosce la lingua dei segni

0

logoissrIl Consiglio Regionale del Lazio ha approvato all’unanimità la legge che è il frutto della grande sensibilità della V Commissione, e della collaborazione dell’Istituto Statale per Sordi di Roma (ISSR), dell’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (ISTC-CNR) e dell’Associazione interpreti di lingua dei segni italiana- ANIOS che hanno sostenuto la proposta di legge in tutto il suo iter, fino ad oggi.
Con questa approvazione, che accoglie i principi e le linee guida della Convenzione Onu sulla disabilità, si compie un ulteriore, significativo passo in avanti verso l’effettivo riconoscimento dei diritti di cittadinanza delle persone sorde e a garanzia di una piena accessibilità a informazioni, attività educativo-formative, servizi della pubblica amministrazione, eventi culturali e di pubblico interesse.
Ci auguriamo che la legge oggi licenziata dalla Regione Lazio possa essere presa a modello da altri parlamenti regionali e, in particolar modo, dal legislatore nazionale nell’adozione di provvedimenti che, in armonia con i principi della libertà di scelta e di non discriminazione, riconoscano la Lingua dei Segni Italiana!

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più