Il linguaggio digitale sempre più diffuso, ma serve un modello comune

0

italiantwitter-620x430Dal micro-blogging al linguaggio quotidiano dei giovani: la lingua italiana si sta impoverendo? In realtà, questo pessimismo linguistico è perlopiù infondato, ma serve un modello di alfabetizzazione digitale condiviso e che guardi al futuro.

L’inarrestabile avanzamento della tecnologia e le sempre più frequenti politiche di digitalizzazione mirate a promuovere l’innovazione e ad abbattere le barriere che, ancora oggi, limitano l’accesso alla cultura hanno comportato un concreto stravolgimento nel modo di concepire e definire la realtà.

La possibilità un tempo inimmaginabile di interagire e condividere contenuti in tempo reale con un pubblico potenzialmente illimitato, senza vincoli “geografici” o culturali, ha favorito il proliferare di nuove forme di comunicazione “rapida” e “multimodale” (social network, app, servizi di messaggistica istantanea), pensate per stimolare e promuovere l’omofilia, ovvero il contatto tra persone simili che condividono gli stessi interessi.

Tra queste, una delle più interessanti è, senza dubbio, la tecnica del “micro-blogging”, una forma di comunicazione nata nel 2006 su Twitter che prevede la pubblicazione continua e aggiornata di piccoli contenuti (frasi, video, gif, immagini) entro un limite perentorio di 140 caratteri.

Questa tipologia di scrittura, necessariamente “rapida” e concisa, si presenta con caratteristiche del tutto peculiari, configurandosi come una forma comunicativa estremamente vicina all’interazione orale e dotata di una vera e propria “grammatica”, in larga parte indipendente dai precetti linguistici tradizionali.

Per avere una stima reale della portata di questo fenomeno, basta “affacciarsi” su un qualsiasi profilo Twitter e notare con quanta frequenza e regolarità gli utenti facciano uso di abbreviazioni, acronimi e anglicismi, spesso “infarcendo” i propri messaggi di faccine, hashtag, frasi fatte e meme, allo scopo di risparmiare spazio ed ottenere, in ogni caso, il massimo rendimento comunicativo.

Continua a leggere sul sito Key4Biz

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie