Il Giardino dei Giusti

0

Il Giardino dei Giusti di Tunisi, inaugurato il 15 luglio 2016 all’interno dell’ambasciata d’Italia a Tunisi, è il primo Giardino dei Giusti in un paese arabo. Sono già stati onorati cinque Giusti arabi e musulmani che a rischio della loro vita hanno lottato contro la persecuzione, il terrorismo e combattuto per la liberta,  la democrazia e per la difesa dei diritti umani. Tra i Giusti onorati, da ricordare la guida tunisina che ha messo in salvo 45 turisti italiani durante l’attacco dell’ISIS al museo del Bardo a Tunisi. Lo scorso 25 giugno 2018 è stata dedicato un albero alla memoria di Mohamed Abid, un tunisino che ha sacrificato la sua vita per salvare una donna e due bambini italiani al largo di Agrigento. Nel 2003 il presidente della Repubblica italiana Carlo Azeglio Ciampi gli conferì  la medaglia d’oro al valor civile.

Lorenzo Fanara, Ambasciatore d’Italia a Tunisi, ha ricordato l’atto eroico di Mohamed Abid alla presenza dei suoi tre figli e ha affermato che è giusto dedicare un albero a coloro che hanno saputo rispondere al richiamo della coscienza con atti di resistenza morale e coraggio. È bello parlare di questi esempi e valorizzare le storie positive e premiare coloro che alimentano il legame storico tra la comunità italiana e quella tunisina. La Tunisia è un paese arabo che si oppone al fanatismo e all’integralismo islamico e che vuole preservare la cultura della pace e del dialogo, convivenza e rispetto. Il giardino dei Giusti di Tunisi assume diversi valori simbolici, ha detto l’ambasciatore Fanara perché la Tunisia è un paese all’avanguardia per la difesa della libertà e della democrazia. La Tunisia, paese simbolico e cruciale nel cuore del Mediterraneo è riuscito a costruire istituzioni laiche separando la politica dalla religione.

Il premio in memoria di Mohamed Abid è stato consegnato alla signora Gabriella Incisa Di Camerana, direttrice del centro ippico di Mahdia, un’associazione no profit che promuove iniziative di inclusione sociale e sensibilizzazione all’autismo infantile attraverso la zooterapia. Si tratta di attività di psicomotricità assistite dagli animali per stimolare ed accelerare i processi di apprendimento e di crescità del bambino.

Il centro ippico di Mahdia si trova in un bellissimo parco verdeggiante dove i bambini sono in contatto con gli animali: cavalli di razza araba, conigli cani gatti. Il centro propone inoltre dei corsi di formazione di zooterapia destinati a bambini autistici. La direttrice del centro ippico di Mahdia è italiana e vive a Mahdia da 23 anni. È riuscita con la sua passione per i cavalli ad elaborare un metodo di comunicazione tra i bambini e gli animali. “Gli animali sanno aiutare i bambini autistici perché riescono a comunicare senza parole e dividere le emozioni” dice. La zooterapia riesce a ridurre perfino lo stress, l’obesità e i problemi mentali. Gabriella Incisa Di Camerana ha cosi avviato questo progetto di zooterapia per i bambini autistici ottenendo sorprendenti risultati con la pet therapy o attività assistita dagli animali. È un trattamento rivolto a persone soprattutto bambini che desiderano migliorare la qualità di vita interagendo con gli animali.

Ringraziamo Saloua Sejir di Radio Tunisi per questo reportage

Condividi

I commenti sono chiusi.

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più