Gli stranieri nei comuni italiani

0

Da uno studio della Fondazione Leone Moressa basato sull’analisi dei dati del bilancio demografico ISTAT, al 31 dicembre 2013 la popolazione straniera in italia rappresenta l’8,1% del totale. In diversi comuni, specialmente settentrionali, questa percentuale supera anche il 20%.

Ciò che emerge dal rapporto secondo i ricercatori è che “L’Italia rischia di non essere più un Paese che attrae immigrati, i dati” continuano gli autori della ricerca “evidenziano una diminuzione degli ingressi accompagnata da un aumento dei trasferimenti all’estero. Aumentano gli stranieri che lasciano l’Italia, per rientrare in patria o per spostarsi in altri Paesi. In crescita invece le naturalizzazioni di stranieri, segno di una sempre maggiore stabilizzazione degli stranieri presenti”.

Qui di seguito una sintesi dei dati
5 milioni di stranieri regolari. Arriva a 4,92 milioni la popolazione straniera regolare residente in Italia al 31 dicembre 2013. La revisione delle anagrafi italiane effettuata a seguito del censimento 2011 consente di delineare una panoramica aggiornata della presenza straniera in Italia. Oltre la metà della popolazione straniera risiede in quattro regioni: Lombardia (22,9%), Lazio (12,5%), Emilia Romagna (10,9%) e Veneto (10,5%). A livello nazionale la popolazione straniera rappresenta l’8,1% della popolazione complessiva, superando il 10% in diverse regioni del centro-nord.

Baranzate supera quota 30%. Per la prima volta l’incidenza della popolazione straniera supera la soglia del 30%: avviene a Baranzate (MI), dove poco meno di un cittadino su tre è straniero. In molti comuni, specialmente al Centronord, si registra un’incidenza superiore al 20%. Nelle grandi città del sud, invece, l’incidenza della popolazione straniera non supera il 3%: in fondo alla graduatoria troviamo tre capoluoghi della Puglia come Brindisi (2,4%), Barletta (2,2%) e Taranto (1,3%).

Prima frenata dei nati stranieri. I nati stranieri registrati in Italia nel 2013 sono stati 77.705, 2 mila in meno rispetto all’anno precedente: è la prima volta negli ultimi 5 anni che si registra un calo. Tuttavia i nati stranieri continuano a crescere in termini relativi rispetto ai nati complessivi (15,1%). In molti comuni del nord l’incidenza supera il 40%: il primato, ancora una volta, spetta a Baranzate con 6 nati stranieri ogni 10.

100 mila acquisizioni di cittadinanza italiana. I cittadini stranieri naturalizzati italiani nel 2013 sono stati 100.712, il 54% in più rispetto all’anno precedente. Di conseguenza l’indice di acquisizione della cittadinanza, che misura la percentuale di cittadini stranieri che ottengono la naturalizzazione, aumenta dall’1,5% al 2,1%. A livello locale, i livelli massimi di questo indice si registrano nei comuni del Nord (particolarmente in Lombardia, Veneto ed Emilia): il primato spetta a Lumezzane (BS), con il 7,4%.

Cala l’immigrazione, aumentano i trasferimenti all’estero. Gli ingressi di stranieri in Italia nel 2013 sono stati 280 mila, con un calo del 13,2% rispetto all’anno precedente. Aumentano invece i trasferimenti all’estero (considerando solo coloro che si cancellano dall’anagrafe): 44 mila stranieri (+14,2%) e 82 mila Italiani (+20,7%).

Il link al comunicato stampa completo:

Condividi

Leave A Reply

Questo sito utilizza cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione. Esprimi il tuo consenso cliccando sul pulsante 'Accetta'. Se neghi il consenso, non tutte le funzioni di questo sito saranno disponibili.

Voglio saperne di più

Impostazioni Cookie