Cresce l’Associazione degli scrittori di lingua italiana

0

ticinonlineCHIASSO – Molte idee, ottimi suggerimenti e buoni margini di crescita per l’ ASSI – Associazione Svizzera degli scrittori di lingua italiana riunita ieri, domenica 6 maggio, a Chiasso per l’annuale assemblea in occasione di Chiassoletteraria.

I soci hanno eletto in comitato Sibilla De Stefani, scrittrice e assistente della Prof. Tatiana Crivelli alla cattedra di letteratura italiana all’Università di Zurigo, a proseguire l’apertura dell’associazione al resto della Svizzera avvenuta lo scorso anno con il cambio di denominazione. De Stefani si unisce così a Francesca Giorzi (presidente), Vincenzo Todisco (segretario), Mattia Bertoldi e Giovanni Soldati.

Questo anno l’Associazione sarà impegnata soprattutto nella realizzazione del progetto “Tournée” che vuole portare gli scrittori della svizzera di lingua italiana nelle medie e medie superiori del resto della Confederazione.

In aumento del 15% (come l’anno precedente) il numero di soci che contrariamente a quanto immaginato lo scorso anno con l’apertura dell’associazione all’autopubblicazione non sono però costituiti da autori che provengono da questa categoria. A sottolineare la considerazione che l’Associazione nutre per tutta la “filiera del libro”, l’elezione a socio onorario di Siro Ortelli, autore (figlio di Pio Ortelli), poeta, bibliografo e storico bibliotecario presso la Biblioteca Cantonale di Lugano.

Apprezzata la riflessione di Vincenzo Todisco sul ruolo dell’Associazione per uno scrittore: «L’ASSI quindi è condivisione, punto di incontro e di riferimento, il faro che si pone di fronte al faro in cui ci rinchiudiamo per scrivere. L’ASSI è un interlocutore perché, come diceva Natalia Ginzburg, “chi scrive sente con forza la necessità di avere degli interlocutori a cui sottoporre ciò che scrive”, momenti di riflessione condivisa…».

L’Assemblea si è conclusa con le considerazioni della presidente: «Si dovrà quindi continuare con lo stesso schema di offerta, tenendo conto maggiormente di tutti gli ambiti della scrittura e dei desiderata di ogni tipologia professionale. Essere presenti, nel limite del possibile, nelle fiere e nei festival cantonali pertinenti ai vari ambiti e rafforzare le alleanze sul territorio operando in modo complementare…». Desiderio dell’assemblea è inoltre quello di trovare una sede fissa come punto di riferimento per incontri e assemblee e a disposizione dei soci per la presentazione dei propri lavori.

Leggi l’articolo sul sito di Ticinonline

Condividi

L'Autore

I commenti sono chiusi.