Ataya: un nuovo strumento rivolto a studenti stranieri per l’apprendimento dell’italiano

0

logo_coop_ruahÈ stata presentata “Ataya App”, la prima App dedicata a studenti stranieri con bassa o nulla scolarizzazione pregressa. Il progetto nasce all’interno della Scuola di italiano della Cooperativa Impresa Sociale Ruah sull’esperienza dell’accoglienza migranti.

Sono circa 1500 ad oggi gli iscritti ai vari corsi offerti dalla Scuola di italiano Ruah, studenti con un diverso background: dal migrante economico al richiedente asilo, sino allo studente giunto in Italia per frequentare l’università. “Vi è un differente approccio motivazionale all’apprendimento della lingua tra migrante economico e richiedente asilo – spiega Adriana Perna, responsabile della scuola e referente, insieme ad Elisabetta Aloisi, del progetto “Ataya App” – per quest’ultimo spesso l’Italia non è l’approdo definitivo. Per questo motivo l’apprendimento della lingua italiana non è sempre percepito come di primaria utilità”.

I richiedenti asilo ospitati da Ruah sono principalmente analfabeti totali o con una scarsa alfabetizzazione pregressa. Da quest’esperienza nel 2016 è nato “Ataya”, un manuale di lingua italiana multilivello edito da Sestante. “Ataya” – che significa cerimonia del tè in wolof, lingua senegalese – rappresenta per Ruah il tempo necessario che serve per conoscere imparare e trovare spazio nella formazione linguistica. “Il manuale “Ataya” – spiega Elisabetta Aloisiè stato particolarmente studiato per gli studenti richiedenti asilo, puntando a dar loro una concretezza assoluta nell’apprendimento della lingua. Un italiano quindi concreto e spendibile partendo dalle richieste più semplici e quotidiane, come il recarsi in un negozio e domandare le migliori offerte telefoniche”.

Sulla scia del successo del manuale è stata ora predisposta una App dedicata a quegli studenti che hanno una bassa o nulla scolarizzazione pregressa. “Si rivolge a tutti i migranti – continua Adriana Perna -, con particolare attenzione ai richiedenti asilo e a tutti coloro che non hanno la possibilità di frequentare un corso di lingua italiana L2 (lingua seconda, ndr). Le motivazioni in questo caso possono essere le più disparate: psicologiche, organizzative o geografiche”.

Per gli insegnanti di italiano L2 la App è inoltre un’estensione del manuale “Ataya” e può essere usata come approfondimento in classe. La App, sfruttando la tecnologia touch, favorisce l’apprendimento in quanto strumento intuitivo e divertente se paragonato agli strumenti tradizionali di penna e quaderno. “Ataya App” segue le 10 unità del manuale Ataya: ogni unità ha come input un video che rimanda a scene di vita quotidiana. Lo studente ha cosi la possibilità di comprendere l’utilità della lingua riportata al concreto contesto che vive. La App, sviluppata in collaborazione con MindTek, sarà definitivamente pronta e operativa per il mese di Maggio 2018 e sarà scaricabile gratuitamente su dispositivi Android.

 

Cooperativa Impresa Sociale Ruah
La Cooperativa Impresa Sociale Ruah nasce nel 2009 dall’evoluzione dell’Associazione Comunità Immigrati Ruah, attiva in Bergamasca dal 1991 con l’obiettivo di perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini italiani e stranieri. I servizi attivi vanno dall’accoglienza, all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, a interventi di formazione sui temi del dialogo e dell’incontro interculturale per creare un nuovo senso comune basato sul rispetto e il riconoscimento di ogni essere umano. Quattro le sue aree di intervento: Area Economie di Solidarietà, Area Cultura, Area Abitare, Area Richiedenti Asilo e Rifugiati.

Visita il sito:
http://www.cooperativaruah.it

Condividi

I commenti sono chiusi.

error: Content is protected !!