La letteratura italiana in Austria

0

Nei quasi 500 anni che vanno dallinizio dellUmanesimo al Trattato di Saint-Germain (1919), i Paesi della corona asburgica hanno visto nascere la più ricca produzione letteraria in lingua italiana in terra straniera, sia per quantità, sia per qualità di testi pubblicati. Una tradizione a lungo ignorata dalla critica letteraria italiana, che dal Risorgimento in poi ha spesso trascurato le opere nate extraconfini per motivi politici e ideologici legati al concetto ottocentesco di identità nazionale. Nei due volumi della Geschichte der italienischen Literatur in Österreich, gli autori si sono proposti di colmare questa lacuna, con unanalisi accurata e puntuale che, a partire dalla penetrazione in Austria delle istanze umanistiche di Francesco Petrarca, racconta linteresse plurisecolare dellélite culturale asburgica per la nostra cultura e linfluenza che questultima ha avuto nella diffusione in terra austriaca di movimenti come il Barocco e lIlluminismo.

I due volumi, pubblicati in lingua tedesca dalla casa editrice Böhlau, saranno presentati venerdì 18 maggio alle ore 17.30 a Roma in Palazzo Firenze (piazza Firenze 27), sede della Società Dante Alighieri, dagli autori Alfred Noe, Professore straordinario presso lUniversità di Vienna, Consigliere Centrale della Società Dante Alighieri e Presidente del locale Comitato, e Gualtiero Boaglio, Direttore del programma di studi di Romanistica e Professore straordinario presso lUniversità di Vienna. Alla presentazione interverranno il Presidente della Società Dante Alighieri, Ambasciatore Bruno Bottai, e lAmbasciatore dAustria in Italia Christian Berlakovits.

Dopo la presentazione si terranno un concerto per soprano e quartetto darchi e un brindisi.

Info: Pierpaolo Conti, cell. 3346755306, p.conti@ladante.it. – Tiziana Grassi, cell. 3356636163

Condividi

Leave A Reply

error: Content is protected !!