Cinema (e)migrante

Rassegna di cinema migrante

“Lettere dal Sahara” del compianto maestro Vittorio De Seta aprirà a Moliterno la seconda edizione di “Cinema (E)migrante”.
La rassegna, patrocinata dal Consiglio regionale della Basilicata e con la collaborazione dei Comuni di Spinoso, Tramutola e Sarconi e dell’Istituto Comprensivo “Giacomo Racioppi” e dell’Ipsia di Moliterno, tratta il tema della multietnicità e della condizione dei migranti.

“Welcome” di Philippe Lionet, “Good Morning Aman” di Claudio Noce o i documentari come “Il sangue verde” di Andrea Segre e “Fratelli d’Italia” di Claudio Giovannesi sono solo alcuni dei filmati che tra il 28 marzo e il 3 aprile potranno essere spunto di riflessione per gli amanti della “settima arte” .

Per il curatore del ciclo di proiezioni, Mimmo Mastrangelo “anche l’arte delle immagini in movimento può contribuire affinché ogni ‘io’ metta radici in una varietà di ‘noi’. Immaginiamo un Sud differenziato ed aperto che, pur conservando la propria identità e storia, sappia aprirsi ad un multiculturalismo inteso come luogo di relazioni e valore aggiunto di crescita, consapevolezza, costruzione di speranza e corresponsabilità. I film e i documentari come quelli che presentiamo in questa rassegna sono un focus sulla condizione del migrante, su ciò che significa per uomini, donne, bambini scappare dalla miseria o dalla guerra del proprio Paese e non trovare in un’altra Nazione l’accoglienza sperata”.